Ercole, è nuovo e combatte elateridi, diabrotica e insetti terricoli

COLTURE ESTENSIVE

E’ una assoluta novità per la campagna mais 2014 di Sipcam Italia,perché è il primo insetticida a base di Lambda-Cialotrina impiegabile per il controllo dei parassiti del terreno ed inoltre è l’unico registrato su mais per applicazioni dalla semina sino alla fase della rincalzatura.


Roberto Bartolini
nova_ercole_sipcam

Come agisce

La Lambda-Cialotrina agisce per contatto ed ingestione ed ha
un’azione repellente, quindi contrasta l’avvicinamento dei parassiti alle piante
con un effetto barriera. Nel terreno si fissa alla sostanza organica e non si
muove anche in situazioni di dilavamento e così garantisce una protezione degli
apparati radicali delle colture di circa 60 giorni.

Come si presenta

Il granulo di Ercole ha caratteristiche omogenee, densità
costante ed esente da polvere. E’ poco igroscopico e non si impacca durante lo
stoccaggio. Il prodotto presenta un’ottima scorrevolezza e agevola la taratura
delle attrezzature di distribuzione e dimostra un’attività costante in tutte le
condizioni di impiego.

Flessibilità di impiego

Ercole su mais può essere impiegato per combattere elateridi
e diabrotica, sia in semine anticipate sia in semine tardive.

La flessibilità di
impiego, oltre alla efficacia, è la peculiarità di Ercole che supera il
principale limite di tutti gli altri geoinsetticidi che sono impiegabili solo
in fase di semina del mais: la persistenza insufficiente dei prodotti
convenzionali, soprattutto nelle semine più precoci di marzo e in ambienti a
forte infestazione di diabrotica, può comportare danni economici rilevanti.

Per la diabrotica

Il momento ideale per combattere la diabrotica dovrebbe
essere centrato sul ciclo biologico del parassita (schiusura delle uova e
presenza delle larve) e sul comportamento parassitario (inizia dalle porzioni
distali delle radici e si muove verso la base).

L’intervento su diabrotica potrebbe essere associato ad
altre pratiche agronomiche, normalmente sarchiatura e rincalzatura, cui già
normalmente si lega la concimazione di copertura.

Come si distribuisce

Alla semina.
1)
Va effettuata la corretta regolazione del microgranulatore per evitare errati
dosaggi.

2) Ci si deve accertare del corretto posizionamento del prodotto nel
solco di semina in prossimità del seme.

3) Il dosaggio corretto su mais è 10-15
kg/ha contro elateridi in semine precoci e 15 kg/ha sul doppio target elateridi
e diabrotrica in caso di semine tardive.

Fino alla rincalzatura.
Contro la diabrotica una volta
individuata l’epoca di intervento è importante definire la modalità
applicativa. Il prodotto va distribuito su ambo i lati delle radici del mais,
interrato ad una profondità adeguata a posizionarlo il più vicino possibile
all’apparato radicale, senza arrecare danni meccanici. Per far questo si deve
ricorrere ad assolcatori montati su una struttura portante e collegati al tubo
di calata proveniente dal microgranulatore. Gli assolcatori possono essere
montati tramite staffe metalliche alle strutture degli elementi standard delle
sarchiatrici.


Sarchiatrice + distribuzione ed incorporazione di Ercole nel terreno

Sarchiatore a 4 file a telaio fisso con installata
attrezzatura per l’applicazione di Ercole. Gli interratori a doppio disco sono
fissati tramite staffe sugli stessi elementi sarchianti standard su cui sono
montate tre molle elastiche con zappetta. Due microgranulatori standard,
ciascuno dotato di 2 uscite che vengono sdoppiate mediante innesto a Y, servono
per garantire la distribuzione fornendo l’alimentazione agli 8 elementi interratori tramite un apposito tubo di
calata.


Sarchiatrice spandiconcime+ distribuzione ed incorporazione di Ercole nel terreno
In questo caso sul sarchiatore a 4 file è stata installata
l’attrezzatura per l’applicazione di Ercole in aggiunta alla tramoggia di
grande capacità per la distribuzione localizzata del fertilizzante in
copertura. I microgranulatori sono proposti con una installazione anteriore
rispetto al serbatoio del concime.

Pubblica un commento