Ancellotti Sergio e Roberto utilizzano sistemi informatici per l’analisi del latte

ZOOTECNIA

La nostra azienda è a Varano dè Melegari, sulle colline di Parma, siamo proprietari e conduttori di un allevamento Holstein il cui latte è destinato alla produzione del Parmigiano Reggiano. Cinquecentotrenta capi, di cui 250 in lattazione, 25 mila quintali di latte prodotti all’anno, una media di 80 quintali al


La nostra azienda è a
Varano dè Melegari, sulle colline di Parma, siamo proprietari e conduttori di
un allevamento Holstein il cui latte è destinato alla produzione del Parmigiano Reggiano.
Cinquecentotrenta capi, di cui 250 in lattazione, 25 mila quintali di latte
prodotti all’anno, una media di 80 quintali al giorno, e 200 ettari di terra
dove produciamo con grande cura tutti gli alimenti destinati all’unifeed
giornaliero, come prescrive il regolamento del Consorzio. Da giugno 2009
abbiamo costruito ex-novo la sala di mungitura 12+12 parallelo con il tunnel
sotterraneo dove sono installati i sistemi informatici installati in sala
mungitura accanto al lattimetro, per avere in tempo reale tutte le informazioni
più importanti sul latte prodotto.

Il sistema si chiama
Afilab ed offre la possibilità di disporre dell’analisi del latte aggiungendo una nuova dimensione
all’azienda dando luogo cioè ad un
cambiamento concettuale nella sua gestione. Infatti grazie a questi dati
l’alimentazione può essere ottimizzata, la salute della mandria può essere
monitorata attraverso allarmi tempestivi e la produzione del latte può essere
più efficiente, separando il latte con elevato contenuto di proteina e di
grasso aggiungendo così valore al prodotto che viene venduto.

Tutto il latte che attraversa Afilab viene raccolto nel
frigo, poichè non subisce alcun tipo di alterazione. L’analisi di Afilab
infatti si basa sulla spettroscopia nel vicino infrarosso (simile alla tecnica
impiegata per l’analisi dei foraggi con la metodica NIR). Il latte di una
bovina, durante la mungitura, viene attraversato da un raggio di luce e Afilab,
leggendo la rifrazione della luce che colpisce il latte, è in grado di
determinarne il contenuto di grasso, proteina, lattosio, cellule somatiche
(espresse in 4 classi: 0-200, 200-400, 400-800, 800+) e la presenza di sangue.

Grazie al software di gestione Afifarm, tutte queste
informazioni vengono raccolte ed analizzate per permetterci di gestire tutta la
nostra attività in modo semplice e
immediato e con assoluta precisione.

 

Pubblica un commento